Condividere online gli appunti: ecco l’idea imprenditoriale di tre universitari

Gabriele Giovanni Vernengo

Palermo e provincia

Condividere online gli appunti: ecco l’idea imprenditoriale di tre universitari

Condividere online gli appunti: ecco l’idea imprenditoriale di tre universitari
venerdì 31 Marzo 2017 - 07:18

Fare business condividendo gli appunti universitari è possibile. La storia di Nicola, Attilio (nella foto) e Gabriele lo dimostra. Loro, infatti, sono universitari – lavoratori, fondatori di “Appunti Condivisi”, una piattaforma online nata lo scorso ottobre dove gli universitari di diverse facoltà e corsi dell’ateneo palermitano possono inserire e scaricare riassunti, slide e lezioni delle materie che a loro interessano. Gli ideatori sperano comunque di esportare il loro esperimento imprenditoriale anche in altri atenei della Sicilia e dell’Italia.

Usufruire del materiale didattico del sito di “Appunti Condivisi” (https://www.appunticondivisi.com/) è semplice. Basta registrarsi inserendo il proprio indirizzo mail e scegliere una password e all’utente arriverà immediatamente una mail di conferma contenente un link che rimanderà al sito, consentendo di effettuare il primo accesso. Si potrà così inserire l’università, la facoltà ed il corso di studi d’appartenenza e cominciare a ricercare e di seguito a valutare i file utili cliccando su “cerca file”.

Per scaricare il materiale saranno necessari dei crediti. Ciascun file costa un credito che sarà possibile riguadagnare condividendo un altro file proprio. Dopo la registrazione saranno omaggiati tre crediti che permetteranno di scaricare i primi tre file. Terminati i crediti, non sarà possibile i file, a meno che non se ne condivida qualche altro. Tuttavia, se si necessita di scaricare qualcosa per preparare una materia e non si ha nulla da condividere in quel momento, si potranno acquistare crediti a partire da 2,99 euro, cioè il costo di uno.

“Quando iniziai l’università e parallelamente iniziai a lavorare- spiega Nicola – per questioni di tempo non potevo più seguire tutte le lezioni. Ero obbligato a studiare solamente dai libri e non potevo usare il materiale didattico dato a lezione, e neanche le informazioni specifiche date dal professore. Studiavo a casa, da solo, senza nessun collega con cui confrontarmi. Un giorno però – continua Nicola – conobbi Attilio, mio coetaneo, studente di Giurisprudenza. Cominciammo a raccontarci dei nostri problemi da studente-lavoratore e scoprì di non essere più solo. Nasce così Appunti Condivisi. Un modo di fare impresa, incentivando la condivisione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Altre notizie su villabatepress

redazione@madoniepress.it