Acqua torbida negli invasi, riduzione nell’erogazione a Villabate

Redazione

Cronaca

Acqua torbida negli invasi, riduzione nell’erogazione a Villabate

di Redazione 
Acqua torbida negli invasi, riduzione nell’erogazione a Villabate

Il 7 novembre le scuole di ogni ordine e grado a Palermo saranno chiuse. Lo ha deciso il Sindaco dopo aver ricevuto la relazione dell’Amap che conferma la criticità della situazione legata alla impossibilità di utilizzare l’acqua dei principali invasi in quanto troppo torbida.

Al momento l’acqua immessa in città proviene dal lago di Piana degli Albanesi, dalla sorgente di Scillato e da alcuni pozzi, per un totale di circa 1.500 litri al secondo. Meno della metà di quanto immesso normalmente. Oggi i tecnici del servizio dighe della Regione hanno effettuato operazioni di svasamento del fango dagli invasi Poma e Rosamarina. Sono quindi in corso le analisi per verificare possibilità di utilizzo dell’acqua degli stessi invasi già a partire da questa notte per l’avvio ai potabilizzatori.

In ogni caso, la bassa pressione in città durerà, in base alle zone, non meno di altre 24/36 ore. Tutti gli ospedali cittadini sono regolarmente riforniti di acqua potabile. Lì dove non sono sufficienti le riserve proprie, Amap sta garantendo approvvigionamento tramite autobotti.

“La chiusura delle scuole, così come deciso oggi in Prefettura – afferma il Sindaco Orlando – serve anche a ridurre temporaneamente il prelievo dalla rete, proprio per favorire una maggiore disponibilità di acqua per tutti i siti sensibili, soprattutto gli ospedali, in questo momento difficile”. Orlando esprime anche “un profondo ringraziamento per tutti i lavoratori e la dirigenza della nostra azienda Amap. Avere la gestione pubblica dell’acqua vuol dire proprio questo: massimo impegno e dedizione per dare risposte ai cittadini nei momenti di emergenza, vuol dire dare priorità alla città e non al profitto”.

L’Amap informa anche che la dotazione idrica per Villabate è stata ridotta per la scarsità delle risorse disponibili costituite unicamente dall’attingimento dalla sorgente di Scillato. L’acqua degli invasi non è infatti utilizzabile a causa delle masse di fango che si sono riversate nelle dighe che hanno intorpidito le acque. “In attesa che la situazione si normalizzi – spiega il sindaco Vincenzo Oliveri – la turnazione nell’abitato viene temporaneamente ridotta, passando da una erogazione ogni due giorni ad una ogni tre giorni”. L’amministrazione fa sapere che si stanno organizzando eventuali distribuzioni straordinarie con autobotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Altre notizie su villabatepress

redazione@madoniepress.it