Corleone, si cerca sempre il medico scomparso: speranze ridotte al lumicino

Roberto Chifari

Palermo e provincia

Corleone, si cerca sempre il medico scomparso: speranze ridotte al lumicino

Corleone, si cerca sempre il medico scomparso: speranze ridotte al lumicino

Continuano senza sosta le ricerche del medico, Giuseppe Liotta, scomparso sabato sera nelle campagne di Corleone. Si scava sotto metri di fango alla ricerca di qualche traccia. Da quattro giorni la vasta area è monitorata 24 ore al giorno dai reparti speciali. Al lavoro ci sono 95 uomini tra vigili del fuoco, carabinieri, esercito, corpo forestale e il soccorso alpino speleologico di Palermo, coadiuvato da un’altra squadra specializzata in ricerche. Il nucleo Saf dei vigili del fuoco, sta setacciando le gole del molino Drago, calandosi con le funi. Si dragano i corsi d’acqua e si scava con le pale elettriche. La zona è scandagliata con droni a infrarossi teleguidati dal personale dei vigili del fuoco che hanno organizzato una sala operativa proprio sul luogo della scomparsa. Ci sono anche due elicotteri del comando provinciale dei carabinieri di Palermo che stanno monitorando l’intera area. Ma fino ad ora sono stati trovati solo alcuni indumenti e l’auto abbandonata da Liotta. Nella nostra intervista, parla Francesco Diati, tenente colonello esercito 4°reggimento genio guastatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Altre notizie su villabatepress

redazione@madoniepress.it