Poste Italiane cerca giovani da inserire a tempo determinato. Assunzioni anche in Sicilia

Redazione

Cronaca

Poste Italiane cerca giovani da inserire a tempo determinato. Assunzioni anche in Sicilia

di Redazione 
Poste Italiane cerca giovani da inserire a tempo determinato. Assunzioni anche in Sicilia

Tremila sindaci hanno incontrato i dirigenti di Poste Italiane. Un confronto diretto, iniziato con una serie di incontri a novembre, per rinsaldare il rapporto territoriale tra l’azienda e i piccoli comprensori. All’incontro presenti anche numerosi sindaci siciliani che hanno presentato un vademecum con i lavori urgenti e necessari per migliorare le  strutture territoriali. Il convegno ha permesso anche di puntare sulle esigenze delle comunità locali, i bisogni specifici di ciascun territorio, le opportunità comuni di crescita e sostenibilità economica e sociale.

Poste Italiane ha aperto le selezioni per lavorare all’interno dell’azienda. Possono candidarsi sia diplomati che laureati stabilendo una votazione minima per il titolo di studio. Non sono previsti limiti di età, ma l’azienda sembrerebbe preferire dare spazio ai giovani.

Per i portalettere è previsto l’inserimento mediante contratti a tempo determinato, si tratta di assunzioni per l’inverno 2018 2019, a partire dal mese di dicembre. Generalmente gli incarichi di lavoro in Poste Italiane per Postini hanno una durata di 3 o 4 mesi.  La suddivisione dei posti di lavoro tra Regioni e Province saranno individuate nell’ambito delle Aree Territoriali indicate in base alle esigenze aziendali.

I requisiti minimi per poter partecipare alla selezione di postini sono: 
essere diplomati o laureati, in particolare possedere un diploma di scuola media superiore con voto minimo 70/100 oppure diploma di laurea, anche triennale, con voto minimo 102/110;
patente di guida in corso di validità; idoneità alla guida del motomezzo aziendale (generalmente è il motorino Piaggio liberty 125 cc); certificato medico di idoneità generica al lavoro rilasciato dalla USL/ASL di appartenenza o dal proprio medico curante (con indicazione sullo stesso certificato del numero di registrazione del medico presso la propria USL/ASL di appartenenza); per la sola provincia di Bolzano, patentino del bilinguismo.

Sicilia: Trapani, Palermo, Messina, Agrigento, Caltanissetta, Enna, Catania, Ragusa, Siracusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Altre notizie su villabatepress

redazione@madoniepress.it