Sirti, a Carini i lavoratori scioperano ad oltranza contro gli esuberi

Redazione

Palermo e provincia

Sirti, a Carini i lavoratori scioperano ad oltranza contro gli esuberi

Sirti, a Carini i lavoratori scioperano ad oltranza contro gli esuberi
mercoledì 20 Febbraio 2019 - 11:44

Secondo giorno di sciopero davanti allo stabilimento della Sirti, nell’area industriale di Carini, contro gli esuberi annunciati dall’azienda nazionale di punta delle infrastrutture per telecomunicazioni e information technology. Totale l’adesione dei 180 dipendenti,  in presidio stamattina dalle 8  davanti ai cancelli.  “Vigileremo affinché l’azienda non sostituisca i lavoratori  in sciopero con gli operai del mondo dei subappalti della Sirti,  sarebbe una palese attività antisindacale – dichiarano i segretari Fiom Cgil Palermo Angela Biondi e Francesco Foti – Anche per questo nei prossimi giorni chiederemo ai lavoratori dei subappalti di aderire alla protesta”. Sono almeno 14 le aziende che operano in subappalto con Sirti, da Montel a Isetec, da Sitem a Faim alla Telma e alla Catania impianti.

La tensione  tra i lavoratori è alta. “Altre  volte nella nostra vita aziendale abbiamo vissuto momenti di preoccupazione  simile ma un numero simile di esuberi non era stato mai dichiarato – dicono Giuseppe Romano e Francesco Agnello, Rsu Fiom, da 29 anni in Sirti – Sono tanti i colleghi che lavorano per questa azienda da più di vent’anni. Anche i modi oggi sono cambiati, il  rapporto personale è quasi inesistente, ci sentiamo considerati numeri più che lavoratori. L’azienda dichiara esuberi perché la mole di lavoro si è ridotta e in contrasto con questo continua con le esternalizzazioni. Un atteggiamento d’arroganza che non ci sta bene e che contrasteremo. C’è forte unità tra noi e tanta partecipazione, non solo a Palermo. E’ una lotta che sta coinvolgendo tutto il territorio nazionale”.  Gli esuberi riguardano il 23 per cento degli oltre 3.692 dipendenti.  I licenziamenti toccheranno tutti i reparti ma a essere  colpita maggiormente sarebbe la unit Telco. (reti di accesso, manutenzioni, radiomobili, reti civili e fibra).

Secondo le motivazioni dell’azienda, il mercato delle telecomunicazioni, che ha subito cambiamenti strutturali negli ultimi anni e sta a attraversando una fase di trasformazione a livello globale, che ha comportato per l’Italia una contrazione del giro d’affari, impone una progressiva riduzione del livello dei prezzi e lo spostamento degli investimenti verso soluzioni contraddistinte da un maggior grado di digitalizzazione. “Continueremo a opporci a questo piano di licenziamento collettivo- attaccano Biondi e Foti – l’azienda apra il confronto, il piano di trasformazione preveda la riqualificazione del personale. Quello che ci preoccupa di più, nella logica della riduzione dei prezzi, è l’uso selvaggio del subappalto e il tentativo di mettere contro i lavoratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Altre notizie su villabatepress

redazione@madoniepress.it