Borse europee in rialzo su speranze di ‘atterraggio morbido’, la Cina riapre

LONDRA, 9 gennaio (Reuters) – Gli indici azionari europei sono saliti all’inizio degli scambi di lunedì, poiché gli investitori hanno abbassato le loro aspettative per un aumento dei tassi di interesse della Federal Reserve statunitense e la riapertura dei confini cinesi.

I dati sull’occupazione negli Stati Uniti di venerdì hanno mostrato un miglioramento del numero di lavoratori e un rallentamento della crescita dei salari, interpretato dagli investitori come un segnale che la Fed potrebbe essere meno aggressiva. Le azioni globali sono aumentate e il dollaro è caduto.

Lunedì è proseguito lo slancio ottimista del mercato, con le azioni asiatiche in aumento dopo che la Cina ha riaperto i suoi confini, aumentando le prospettive per l’economia globale. Il più ampio indice MSCI di azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) È salito al livello più alto in più di sei mesi.

L’indice azionario mondiale MSCI è salito dello 0,5% alle 0811 GMT, il massimo da metà dicembre. (.MIWD00000PUS).

Lo STOXX 600 europeo è salito dello 0,5%, vicino al massimo di un mese (.STOXX) E il FTSE 100 di Londra è salito dello 0,2%, riducendo il guadagno della settimana precedente al massimo dal 2019. (.FTSE).

“Vediamo che le pressioni sui salari si allentano molto rapidamente e le persone stanno sussurrando le parole ‘atterraggio morbido’ più forte ora”, ha affermato Honey Redha, global multi-asset portfolio manager di PineBridge.

Un atterraggio morbido è l’obiettivo ideale della politica della Federal Reserve dopo aver aumentato i tassi di interesse, uno scenario in cui l’inflazione scende ma non ci sono abbastanza perdite di posti di lavoro da innescare una recessione.

READ  I Jaguars hanno condotto i Chargers 27-7 all'intervallo

Redha ha affermato che c’è stato “più entusiasmo” nella reazione del mercato ai dati sul lavoro negli Stati Uniti e che sarebbero necessari più dati sui salari.

I mercati monetari scontavano una possibilità del 25% di un aumento di mezzo punto a febbraio, rispetto al 50% del mese precedente. Gli investitori guarderanno ai dati CPI di giovedì per ulteriori indizi sulla prossima mossa della banca centrale.

L’indice del dollaro USA è sceso di circa lo 0,1%, dopo essere sceso dell’1,2% venerdì al livello più basso in sette mesi.

L’euro è salito dello 0,3% a circa $ 1,0673, in rialzo rispetto all’1,2% di venerdì.

Lo yuan offshore cinese ha toccato il massimo di cinque mesi di 6,7885 contro il dollaro USA, mentre il dollaro australiano, spesso considerato un indicatore della propensione al rischio, è salito dello 0,8% a 0,6928 dollari, toccando il massimo dalla fine di agosto. sessione.

“Penso che il ritmo della riapertura (della Cina) sia stato molto più veloce di quanto chiunque si aspettasse, e di conseguenza vedremo questo flusso verso i fondamentali per i mesi a venire”, ha detto Redha di PineBridge. PineBridge ha avuto problemi a novembre. Ha aumentato la sua esposizione azionaria cinese in previsione di un allentamento delle regole Covid in Cina.

“La Cina sta andando più veloce, mentre ovunque vedrai un rallentamento della crescita, e questo andrà a vantaggio dell’Asia come regione e di mercati come l’Australia, che beneficeranno dell’impatto sui beni con la riapertura della Cina”, ha aggiunto Redha.

I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre il 2% poiché la riapertura della Cina ha oscurato le preoccupazioni per un rallentamento globale.

READ  L'attivista per il clima Greta Thunberg è stata rilasciata dopo essere stata arrestata dalla polizia tedesca per una protesta contro una miniera di carbone

Nei mercati obbligazionari, i titoli di stato europei sono saliti in un’inversione dopo i forti ribassi delle settimane precedenti. Il titolo di stato tedesco di riferimento a 10 anni è salito di 6 punti base al 2,268%.

Il rendimento del Treasury USA a 10 anni è salito di 4 pb a 3,606, recuperando dopo il brusco calo di venerdì.

La stagione degli utili prende il via questa settimana con le principali banche statunitensi poiché gli analisti non temono una crescita anno su anno degli utili lordi.

Relazione di Elizabeth Howcroft; Montaggio di Susan Fenton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *