Cardinali contro I bucanieri segnano, da asporto: Tom Brady guida la rimonta in ritardo mentre l’Arizona supera in OT

Trace McSorley ha avuto la possibilità di interpretare sia l’eroe che lo spoiler nel suo primo inizio di carriera nella NFL, aiutando i Cardinals a portare i Buccaneers leader dell’NFC South ai tempi supplementari nell’ultima partita del tripleheader del giorno di Natale della lega. Alla fine, tuttavia, la controparte senior del quarterback, Tom Brady di Tampa Bay, ha avuto la meglio sulla concorrenza. Lo scontro di domenica sera è stato tutt’altro che una bella partita di Brady; In effetti, per un po’, potrebbe essere stato il suo periodo meno entusiasmante dell’anno. Data una possibilità tardiva di recuperare da uno svantaggio di 10 punti, TB12 ha realizzato in tempi difficili, impostando il field goal di Ryan Succop per una vittoria per 19-16.

Ecco alcuni punti salienti della vittoria dei Buccaneers domenica sera:

Perché i booker hanno vinto?

Non perché abbiano capito tutto, questo è certo. Per gran parte della domenica sera, Tom Brady è sembrato annoiato come lo è stato per tutta la stagione, Leonard Fournette ha faticato a trovare corsie aperte sul pavimento e Ryan Succop è sembrato l’unico capace di un’azione coerente. Ma poi l’Arizona ha dovuto rallentare e Brady ha approfittato dell’opportunità per ricomporla nei minuti calanti, appoggiandosi a Fournette, Chris Godwin e Russell Cage per segnare 13. Se una cosa ha funzionato tutta la notte, è stata la difesa di Todd Bowles, che ha colpito Trace McSorley sette volte e ha registrato cinque contrasti per sconfitta, soprattutto se/dopo che i Cardinals hanno spostato la palla nel territorio avversario.

Perché i cardinali hanno perso

Con o senza Kyler Murray e Colt McCoy, non possono continuare a muovere la palla. La difesa dell’Arizona ha giocato davvero bene, con JJ Watt che ha esercitato una pressione costante sulla faccia di Tom Brady e Marco Wilson che ha raccolto non una ma due scelte profonde da TB12. Ma nonostante tutti gli sforzi da pistolero di McSorley – e il backup veterano ha avuto un paio di bellissimi tiri in campo, incluso uno a Marquise Brown – l’Arizona non ha mai stabilito un ritmo nell’aria. James Connor e Greg Dortch hanno sfruttato al massimo ogni tocco, ma altri come DeAndre Hopkins erano praticamente invisibili. La “D”, nel frattempo, sembrava recuperare negli ultimi minuti di azione, forse finalmente stanca del Tampa Bay che vinceva la battaglia per il possesso.

READ  Borse europee in rialzo su speranze di 'atterraggio morbido', la Cina riapre

punto di svolta

Terzo e 9 per i Cardinals sulla propria linea delle 36 yard al primo possesso di OT. McSorley si era già connesso con Marquis Brown per un terzo down strike di precisione sul drive. Qui, però, il lato sinistro non è riuscito a connettersi con DeAndre Hopkins in una finestra ristretta, e gli arbitri non hanno accettato la richiesta di Hopkins per l’interferenza sul passaggio. A quel punto, la palla è tornata a Brady e il punteggio successivo avrebbe sicuramente vinto la partita, e Tampa Bay era pronta per un’altra brutta ma riuscita rimonta.

Gioco del gioco

Non è stata una “buona” giocata, ma è stata enorme per i Bucks: il lancio veloce di McSorley a Keonte Ingram ha dato a Tampa Bay il possesso bonus e ha permesso alla squadra ospite di pareggiare la partita a 16. -16 ritardo. Ha evidenziato la bruttezza dell’intero botta e risposta, che comprendeva 11 rigori e cinque palle perse.

Qual è il prossimo

I Buccaneers (7-8) torneranno a casa per una rivincita di capodanno della settimana 17 con i rivali Panthers (6-9), che sabato hanno sconvolto i Lions. I Cardinals (4-11), nel frattempo, affronteranno i Falcons (5-10), caduti contro i Ravens questo fine settimana e ora sono fuori dai playoff.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *