L’attivista per il clima Greta Thunberg è stata rilasciata dopo essere stata arrestata dalla polizia tedesca per una protesta contro una miniera di carbone



Cnn

L’attivista svedese per il clima Greta Thunberg è stata rilasciata martedì sera dalla polizia tedesca. Opposizione all’espansione delle miniere di carbone nel villaggio occidentale di Lützerath, ha confermato mercoledì alla CNN la polizia.

“Thunberg è stata detenuta solo per un breve periodo. Una volta stabilita l’identità (di Thunberg), era libera di andarsene”, ha detto alla CNN Max Wilmes, portavoce della polizia della città di Aquisgrana.

“Riconoscendo il suo nome, la polizia ha intensificato il processo di identificazione”, ha detto Wilms. Ha detto che stava aspettando il rilascio di altri manifestanti.

Thunberg ha ripreso la campagna mercoledì, twittando: “La protezione del clima non è un crimine”.

“Ieri ero in un gruppo che protestava pacificamente contro l’espansione dell’estrazione del carbone in Germania”, ha detto l’attivista, aggiungendo: “Siamo stati arrestati dalla polizia, poi arrestati, ma rilasciati più tardi quella sera”.

Thunberg faceva parte di un folto gruppo di manifestanti che ha sfondato un cordone di polizia e ha occupato la miniera di carbone, che le autorità non sono state in grado di proteggere completamente, ha detto martedì alla Galileus Web il portavoce della polizia Christoph Hulse. Questa è la seconda volta che Thunberg viene arrestato nel luogo, ha detto.

Da mercoledì scorso, la polizia tedesca ha allontanato centinaia di attivisti da Lutzerum. Alcuni sono sul sito da più di due anni. CNN precedentemente riportatoPer lo più entro il 2017, gli ex residenti occupano case abbandonate dopo essere stati sfrattati per far posto all’estrazione del carbone di lignite.

Il governo tedesco ha raggiunto un accordo con il proprietario della miniera, RWE, nel 2022, consentendogli di espandersi a Lützerath in cambio della fine dell’uso del carbone nel 2030, invece che nel 2038.

Una volta completata l’uscita, RWE prevede di entrare gradualmente Recinzione perimetrale di 1,5 chilometri (0,93 miglia). Intorno al villaggio, i suoi edifici, strade e fogne saranno sigillati prima della demolizione.

Thunberg ha twittato venerdì Era a Lutserath per protestare contro l’espansione. Sabato ha manifestato con migliaia di persone contro la demolizione del villaggio.

Rivolgendosi agli attivisti durante la manifestazione, Thunberg ha detto: “Il carbonio è ancora sotto terra. E questa lotta non si fermerà finché non ci sarà carbonio nella terra”, ha detto.

Hulse ha detto che Thunberg è “sorprendentemente” tornata a protestare più tardi martedì, dopo essere stata arrestata per la prima volta domenica.

L’espansione dell’estrazione del carbone è significativa per gli attivisti del clima. Sostengono che continuare a bruciare carbone per produrre energia aumenterà le emissioni che riscaldano il pianeta e minerà l’ambizione dell’accordo sul clima di Parigi di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. La lignite è il tipo di carbone più inquinante ed è il combustibile fossile più inquinante.

“Dobbiamo fermare la continua distruzione del nostro pianeta e il sacrificio delle persone a beneficio della crescita economica a breve termine e dell’avidità aziendale”, ha affermato Thunberg.

Gli scontri tra attivisti e polizia sono continuati questo mese e le foto delle proteste mostrano la polizia che indossa l’equipaggiamento antisommossa per sgomberare i manifestanti.

Più di 1.000 poliziotti sono coinvolti nell’evacuazione. La maggior parte degli edifici del villaggio sono stati ora rimossi e sostituiti da escavatori.

RWE e il Partito dei Verdi tedesco – un membro della coalizione di governo del paese – hanno entrambi respinto le affermazioni secondo cui l’espansione mineraria aumenterebbe le emissioni complessive, affermando che i limiti europei potrebbero compensare le emissioni extra di carbonio. Ma diversi rapporti sul clima hanno chiarito la necessità di accelerare l’energia pulita e allontanarsi dai combustibili fossili. Studi recenti suggeriscono che la Germania potrebbe non aver nemmeno bisogno di più carbone. UN Rapporto di agosto Coal Transitions, una piattaforma di ricerca internazionale, ha scoperto che anche se le centrali a carbone funzioneranno alla massima capacità fino alla fine di questo decennio, c’è già più carbone del necessario dalle risorse esistenti.

READ  La Russia colpisce Kramatorsk tra gli avvertimenti di una nuova offensiva nell'Ucraina orientale: aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *