Terapie intensive sovraffollate, crematori sovraffollati: il Covid scuote le città cinesi

BAZHOU, Cina (AP) – Yao Ruyan camminava freneticamente fuori dalla clinica della febbre di un ospedale della contea nella provincia industriale cinese di Hebei, a circa 70 chilometri (43 miglia) a sud-ovest di Pechino. Sua suocera soffriva di Covid-19 e aveva bisogno di cure mediche urgenti, ma tutti gli ospedali vicini erano pieni.

«Dicono che qui non ci sono letti», abbaiò al telefono.

La Cina sta combattendo la sua prima ondata nazionale di COVID-19, i dipartimenti di emergenza nelle piccole città e città a sud-ovest di Pechino sono stracolmi. Le unità di terapia intensiva dirottano le ambulanze, i parenti dei malati cercano letti aperti, i pazienti si accasciano sulle panchine nei corridoi degli ospedali e si sdraiano sul pavimento perché non ci sono posti letto.

L’anziana suocera di Yao si è ammalata di coronavirus una settimana fa. Prima sono andati in un ospedale locale, dove una scansione polmonare ha mostrato segni di polmonite. Ma l’ospedale non è in grado di gestire i casi di COVID-19, è stato detto a Yao. Mi è stato detto di andare in ospedali più grandi nei distretti vicini.

Mentre Yao e suo marito andavano da un ospedale all’altro, trovarono tutti i reparti pieni. L’ospedale di Zhuozhou, a un’ora di auto dalla città natale di Yao, è l’ultima delusione.

Yao sposta freneticamente i pazienti anziani oltre le sedie a rotelle verso il banco del check-in. Ancora una volta le fu detto che l’ospedale era pieno e che avrebbe dovuto aspettare.

“Sono arrabbiato”, ha detto Yao tra le lacrime, stringendo le scansioni polmonari di un ospedale locale. “Non ho molte speranze. Siamo stati fuori per molto tempo e io avevo paura perché aveva difficoltà a respirare.

Per due giorni, i giornalisti di Andhra hanno visitato cinque ospedali e due crematori nelle città e nei paesi delle province di Baoding e Langfang, nella provincia centrale di Hebei. La regione è stata al centro di uno dei primi focolai in Cina dopo che il governo ha allentato le restrizioni per il Covid-19. A novembre e dicembre. Per settimane la zona è rimasta tranquilla perché le persone sono rimaste a casa malate.

Molti ora si sono ripresi. Oggi i mercati sono in fermento, i ristoranti sono in fermento e le auto ronzano, anche se il virus si diffonde in altre parti della Cina. Nei giorni scorsi i media statali hanno titolato che l’area ” La vita normale riprende.”

Ma la vita è normale nei reparti di emergenza e nei crematori del centro di Hebei. Anche se i giovani tornano al lavoro e le code alle cliniche antinfluenzali si riducono, molti degli anziani dell’Hebei rimangono in condizioni critiche. Mentre invadono le unità di terapia intensiva e le pompe funebri, innescherà ciò che verrà al resto della Cina.

Il governo cinese ha registrato solo sette morti per COVID-19 da quando le restrizioni sono state drasticamente allentate il 7 dicembre, portando il totale del paese a 5.241. Martedì, un funzionario sanitario cinese ha affermato che la Cina contava solo i decessi La polmonite, o insufficienza respiratoria nel bilancio ufficiale delle vittime di COVID-19, è una definizione ristretta che esclude molti decessi dovuti a COVID-19 altrove.

READ  Documenti riservati di Biden: materiali di intelligence statunitensi relativi a Ucraina, Iran e Regno Unito trovati nell'ufficio privato di Biden, la fonte dice alla CNN

Gli esperti prevedono tra un milione e due milioni di morti in Cina il prossimo anno e l’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito Il metodo di conteggio di Pechino “sottostima il bilancio effettivo delle vittime”.

Mercoledì, Baoding No. a Zhuozhou. 2 In ospedale, i pazienti affollavano i corridoi del pronto soccorso. I pazienti respiravano attraverso i respiratori. Una donna piange dopo che i medici dicono che una persona cara è morta.

Le ambulanze sono state dirottate a causa del sovraffollamento in terapia intensiva. Un operatore sanitario ha gridato ai parenti che stavano trasportando un paziente da un’ambulanza in arrivo.

“Non c’è ossigeno o elettricità in questo corridoio!” esclamò l’operaio. “Se non puoi nemmeno dargli ossigeno, come puoi salvarlo?”

“Se non vuoi ritardi, girati e vattene presto!” lei disse.

Il paziente è stato rimesso in ambulanza ei parenti se ne sono andati. È decollato, le luci lampeggianti.

In due giorni nella zona, i giornalisti di Andhra hanno superato trenta ambulanze. Su un’autostrada verso Pechino, due ambulanze si sono susseguite, luci lampeggianti, mentre una terza si è diretta nella direzione opposta. Gli spedizionieri sono in inferiorità numerica poiché i funzionari della città di Pechino hanno segnalato un aumento di sei volte delle chiamate di emergenza all’inizio di questo mese.

Alcune ambulanze vanno nelle case dei morti. Al crematorio di Zhuozhou, le fornaci stanno bruciando più a lungo e i lavoratori stanno lottando per far fronte a un picco di morti nell’ultima settimana, dice un dipendente. Un impiegato di un’impresa di pompe funebri ha stimato che stavano cremando da 20 a 30 corpi al giorno, da tre a quattro prima che le misure COVID-19 fossero allentate.

“Molte persone stanno morendo”, ha detto Zhao Yongsheng, un impiegato di un’impresa di pompe funebri vicino a un ospedale locale. “Lavorano giorno e notte, ma non possono bruciare tutto”.

Il corpo di una donna di 82 anni è stato portato in un crematorio a Gaobeidian, 20 chilometri (12 miglia) a sud di Zhuozhou, a due ore di auto da Pechino, perché i cortei funebri nella capitale cinese erano pieni. Il nipote della donna, Liang.

“Hanno detto che dobbiamo aspettare 10 giorni”, ha detto Liang, che ha dato solo il suo cognome a causa della delicatezza della situazione.

La nonna di Liang non era stata vaccinata quando ha avuto i sintomi del coronavirus e ha trascorso i suoi ultimi giorni su un ventilatore in una terapia intensiva di Pechino.

Per più di due ore al crematorio di Gaobeidian giovedì, i giornalisti di AP hanno osservato tre ambulanze e due furgoni che scaricavano corpi. Un centinaio di persone si sono riunite in gruppi, alcune con i tradizionali abiti da lutto bianchi cinesi. Hanno bruciato carte funebri e fatto scoppiare petardi.

READ  Paxton Aaronson è stato un punto luminoso nel sorteggio USMNT-Colombia

“Ce n’era molto!” Un lavoratore ha chiesto informazioni sul numero di morti per Covid-19, prima che il direttore del funerale Ma Xiaowei entrasse e portasse i giornalisti a incontrare un funzionario del governo locale.

Quando è stato interrogato dal funzionario, Ma ha confermato che ci sono state più cremazioni, ma ha detto di non sapere se fosse coinvolto il COVID-19. Ha incolpato l’arrivo dell’inverno per ulteriori morti.

“Ogni anno in questa stagione, c’è di più”, ha detto Ma. “La pandemia non si vede davvero” nel bilancio delle vittime, ha detto, e il funzionario ha annuito.

Sebbene prove e modelli suggeriscano che un gran numero di persone verrà infettato e morirà, alcuni funzionari dell’Hebei negano che il virus abbia avuto un grande impatto.

“Non c’è il cosiddetto focolaio, è tutto sotto controllo”, ha detto Wang Bing, direttore esecutivo del Gaobeidian Hospital, parlando all’ingresso principale dell’ospedale. “C’è un leggero calo dei pazienti”.

Wang ha detto che solo un sesto dei 600 posti letto dell’ospedale erano occupati, ma si è rifiutato di far entrare i giornalisti di AP. Due ambulanze sono arrivate all’ospedale durante la mezz’ora in cui i giornalisti dell’AP erano lì, e un parente del paziente ha detto all’AP che il reparto di emergenza di Koupedian era stato allontanato perché era pieno.

Nella città di Paiko, 30 chilometri (19 miglia) a sud, il medico del pronto soccorso Sun Yana è stato onesto anche se i funzionari locali hanno ascoltato.

“Ci sono più persone colpite dall’influenza e il numero di pazienti è effettivamente aumentato”, ha detto Sun. Esitò, poi aggiunse: «Non so se sono ancora occupata o meno. Il nostro pronto soccorso è sempre occupato.

L’ospedale aerospaziale della nuova area di Baiko era silenzioso e ordinato, con letti vuoti e file brevi mentre le infermiere spruzzavano disinfettante. I pazienti Covid-19 sono separati dagli altri, ha affermato il personale, per prevenire l’infezione incrociata. Ma a causa della minore attrezzatura medica, i casi gravi vengono inviati agli ospedali delle grandi città, hanno aggiunto.

La mancanza di capacità di terapia intensiva a Baico, che conta circa 60.000 residenti, riflette un problema nazionale. Gli esperti affermano che le risorse mediche nei villaggi e nelle città cinesi, che ospitano circa 500 milioni di 1,4 miliardi di cinesi, sono molto indietro rispetto alle grandi città come Pechino e Shanghai. Alcuni distretti non hanno un posto letto in terapia intensiva.

A causa di ciò, i pazienti in condizioni critiche sono costretti a recarsi nelle grandi città per le cure. A Bazhou, una città a 40 chilometri (25 miglia) a est di Baghou, giovedì notte Longfang n. 4 Un centinaio o più di persone si accalcarono nel pronto soccorso dell’ospedale.

READ  Come e quando vedere la cometa verde dalla Florida nel 2023 - NBC 6 South Florida

Le guardie hanno lavorato per reprimere la folla mentre le persone si accalcavano per prendere posizione. Senza spazio nel reparto, i pazienti si riversavano in corridoi e corridoi. I malati stendevano coperte sul pavimento mentre il personale spingeva freneticamente barelle e ventilatori. In un corridoio, una mezza dozzina di pazienti sono soffocati su panche di metallo mentre le bombole di ossigeno pompavano aria nei loro nasi.

Fuori da una sala TAC, una donna seduta su una panchina ansimava, il naso grondante di tessuto sbriciolato. Un uomo è stato portato fuori dal pronto soccorso su una barella mentre il personale medico gli ha applicato degli elettrodi al petto. Al banco del check-in, una donna su uno sgabello ansimò per respirare quando un giovane le afferrò il braccio.

“Tutti nella mia famiglia hanno il Covid”, ha chiesto una persona allo sportello, e altri quattro hanno gridato per attirare l’attenzione dietro di lui. “Che medicina posso comprare?”

Su un marciapiede, un uomo è passato di corsa, urlando al cellulare.

“La popolazione è esplosa!” Egli ha detto. “Non è possibile che tu presti attenzione qui, ci sono così tante persone.”

Non è chiaro quanti pazienti avessero il COVID-19. Alcuni avevano solo sintomi lievi, illustrando un altro problema, dicono gli esperti: le persone in Cina fanno troppo affidamento sugli ospedali È facile sovraccaricare le risorse mediche di emergenza rispetto ad altri paesi.

Per più di due ore, i giornalisti dell’AP hanno visto una mezza dozzina o più ambulanze arrivare all’unità di terapia intensiva dell’ospedale e trasportare pazienti in condizioni critiche in altri ospedali, anche se arrivavano auto con dozzine di nuovi pazienti.

Un furgone marrone si fermò in terapia intensiva e suonò freneticamente il clacson all’ambulanza in attesa. “Spostare!” gridò l’autista.

“Andiamo, andiamo!” gridò una voce turbata. Un uomo avvolto nelle coperte è stato sollevato dal retro del furgone da 5 uomini e portato in ospedale. Le guardie gridarono nel reparto gremito: “Fate largo, fate largo!”

La guardia ha chiesto a un paziente di muoversi, ma un parente ha indietreggiato mentre lo stringeva. L’uomo infagottato è stato steso a terra mentre i dottori correvano avanti e indietro. “Nonno!” Una donna si chinò sul paziente e pianse.

Il personale medico si precipita sui ventilatori. “Puoi aprirgli la bocca?” Qualcuno gridò.

Quando i tubi di plastica bianca gli furono attaccati al viso, l’uomo iniziò a respirare facilmente.

Altri non sono così fortunati. I parenti che circondavano un altro letto iniziarono a lacerarsi quando i segni vitali di una donna anziana si appiattirono. Un uomo ha tirato un panno sul viso della donna e sono rimasti in silenzio prima che il suo corpo fosse portato via. In pochi minuti, un altro paziente ha preso il suo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *